In due parole...

Come Domenico vogliamo manifestare e proclamare con la nostra vita e la nostra parola, la misericordia di Dio, la liberazione e la riconciliazione di tutti gli uomini in Gesù Cristo.

Login

Home » Media » Abbiamo visto... » Il Concerto
A+ R A-
22 Feb

locandina-il-concerto 


“Libertà vo cercando che è sì cara”. Sr Elena

 

Questa nota affermazione di Dante potrebbe essere la sintesi del film “Il concerto” viva testimonianza di come l’amore profondo per l’arte, la musica in questo caso, e  per la bellezza possa essere via di salvezza e di libertà. E sarà proprio Tchaikowski a riscattare la splendida orchestra del Bolshoi di Mosca e il suo celebre direttore ad essere causa di liberazione dall’annichilimento di unj potere senza amore per cultura e la bellezza.

Tutto sembra essere contro il direttore d’orchestra. La scena è pregnante di significato. Le note di Tchaikowski trasportano tutti nel mondo sacro dell’invisibile. Ed ecco che una mano violenta strappa di mano al Direttore d’orchestra la sua bacchetta e la spezza sotto i suoi occhi allibiti. Quel crack dell’esile bacchetta è il grido della sua vita spezzata. Siamo a Mosca al tempo di Breznev : è un film del 2009.

concert1Il regista e l’interpretazione degli attori ci trasmettono quella nostalgia che il direttore, ormai schiacciato dal regime e in esilio dalla musica, si porta i cuore. Ma quando ormai egli sembra soccombere a tanta umiliazione gli si presenta una occasione unica e assolutamente imprevista. Il film prende il volo: con un colpo d’ala magistrale il regista ci fa uscire dall’incubo grigio dell’uomo senz’altra identità che non sia quella voluta dal regime politico. Il clima pesante degli umiliazione e della povertà diviene vita, sogni che si realizzano, coraggio di libertà di parola e fantasia. Non mancano scene che fanno sorridere anche se con un po’ di amarezza. Non scade comunque mai nel banale. La nuova orchestra del Bolshoi di Mosca sta suonando in modo pietoso mentre il direttore allontanato e ridotto a fare le pulizie proprio lì ove faceva risuonare il suol’armonia della musica del “SUO” Tchaikowski. Un fax cambia la sua vita e quella dei suoi compagni e amici d’orchestra: gli anni trascorsi sembrano annullati: il mosaico disperso si ricompone. Ma è la vita che si ricompone: bellezza e amore ridonano libertà. Film di alta qualità sia come regia che come contenuto. Molto adatto a dibattiti: non mancano certamente gli spunti adatti per ogni età.

 concert2

REGIA: Radu Mihaileanu SCENEGGIATURA: Radu Mihaileanu, Matthew Robbins ATTORI: Mélanie Laurent, François Berléand, Miou-Miou, Valerij Barinov, Lionel Abelanski, Alexeï Guskov, Dmitry Nazarov, Anna Kamenkova Pavlova.

La pellicola è distribuita dalla BIM.

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=HCQX3UAQm0g]

Ultima modifica il Sabato, 19 Maggio 2012 17:58

Video

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.