In due parole...

Come Domenico vogliamo manifestare e proclamare con la nostra vita e la nostra parola, la misericordia di Dio, la liberazione e la riconciliazione di tutti gli uomini in Gesù Cristo.

Login

Home » Media » Abbiamo visto... » Uomini di Dio
A+ R A-
02 Ago

uomini-di-dio


Da una storia vera, un film profondo, ma non per tutti. Andrea D’Addio.


Presentato quest’anno in concorso al Festival di Cannes, e fino all’ultimo giorno ritenuto come uno dei favoriti per il massimo premio (si è invece “accontentato” del  Gran Premio della Giuria), “Uomini di Dio” sconta prima di tutto un errore prettamente italiano: il titolo italiano. Da un “Des Hommes et des Dieux”, ovvero una sorta di “a proposito degli uomini e degli dei”, si è passato al riduttivo “Uomini di Dio”. Qualcosa che allontanerà sicuramente buona parte del potenziale pubblico di questa pellicola.

Michael Lonsdale in Uomini di Dio

Nonostante si parli infatti della tragedia che coinvolse un gruppo di frati trappisti di tre diversi monasteri in Algeria sequestrati nella notte tra il 26 e il 27 Marzo 1996 da un gruppo di terroristi islamici, il film è tanto cristiano nel tema quanto “laico” nell’approccio. Non c’è critica alla Chiesa o ai suoi uomini, non è un film “contro qualcosa” (neanche contro il terrorismo di natura religiosa), ma un ritratto forse crudo, ma comunque articolato, della fede che anima le gesta e i comportamenti dei suoi protagonisti. Uomini (non “di Dio”, ma da lui ispirati) che vivono le proprie debolezze e dubbi come chiunque altro quando si parla delle proprie esistenze e del migliore modo per continuare a perseguire i propri progetti/ambizioni davanti a un ostacolo, che sia questo anche la morte.

Lambert Wilson in Uomini di Dio

 

Il film di Xavier Beauvois è sicuramente ostico ed a rischio sbadiglio, ma ha il merito di restare impresso nelle menti e negli occhi dei suoi spettatori. E’ uno di quei film che, per merito sia del cast che della sceneggiatura, si rivaluta a distanza di tempo, quando ci si rende conto che ha lasciato qualcosa dentro, che sia una riflessione a tutto tondo o un semplice punto di partenza. Lambisce il rischio di diventare un’apologia della scelta dei frati, rimasti nel convento nonostante fossero sicuri che così li sarebbero venuti a prendere (e uccidere), per diventare un ben più profondo spaccato di verità che mostra semplicemente le cose come sono andate, senza drammatizzazioni o moralismi. E se questo finisce per diventare un grande manifesto a favore delle buone opere che migliaia di frati e missionari svolgono in tante parti del mondo, tanto meglio.  E’ successo, succede ora e non ci si può augurare che succederà anche in futuro. La sempre “ribelle” Francia ha candidato “Uomini di Dio” come suo rappresentante ai prossimi premi Oscar: una bella e vera dimostrazione di laicità.

La pellicola è distribuita dalla Lucky Red.

 

Ultima modifica il Sabato, 07 Aprile 2012 18:03
Administrator

Administrator

Profil admin ici

Video

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.