In due parole...

Come Domenico vogliamo manifestare e proclamare con la nostra vita e la nostra parola, la misericordia di Dio, la liberazione e la riconciliazione di tutti gli uomini in Gesù Cristo.

Prossimi eventi

Login

Home » Predicazione » Salutatio Angelica
A+ R A-

Contemplazione teologico-musicale

attorno all'Annunciazione del Beato Angelico


«Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te» (Lc 1,28): dinanzi a questo saluto la vergine Maria rimase stupita e, con lei, un numero inestimabile di pittori, scultori e compositori che, ispirati dal racconto evangelico dell'Annunciazione (Lc 1,26-38), impiegarono la propria creatività per donare alla storia opere d'arte d'incantevole bellezza.

Fra costoro, a pieno titolo rientra il Beato Angelico (al secolo Giovanni da Fiesole, 1395 ca. – 1455), pittore particolarmente rappresentativo del rinascimento fiorentino, il quale per tutta la vita ebbe occasione di raffigurare l'incontro misterioso e straordinario tra l'arcangelo Gabriele e la Beata Vergine, tanto da guadagnarsi l'appellativo di "Maestro delle Annunciazioni".

A partire da questa suggestiva pagina biblica nacque, fra le altre, l'"Annunciazione" attualmente esposta in San Giovanni Valdarno: pala d'altare a tempera su legno (anno 1432 ca.), nella quale l'Angelico – da autentico predicatore domenicano – seppe, con la grazia che gli era propria, rendere presente il mistero, raccontandolo (attraverso la finezza dei colori, la fresca luminosità delle tinte, l'equilibrio dei volumi) e rievocandolo, sino a suscitare nell'osservatore un senso di devozione ed elevazione (mediante i sensi) alle cose dello spirito.

È proprio questo dipinto ad aver fatto da protagonista lo scorso 17 maggio nella "Salutatio Angelica": iniziativa dal carattere ibrido, a metà fra la conferenza, la preghiera e il concerto; frutto della collaborazione fra la Comunità di Ganghereto, il Museo di Santa Maria delle Grazie e l'associazione culturale LiberArte. Un invito a soffermarsi davanti a quest'opera col desiderio di poterla ammirare con uno sguardo più vicino a quello del suo autore; con gli occhi, cioè, di colui che visse nel solco della tradizione domenicana, comunicando la medesima spiritualità per mezzo di un linguaggio squisitamente figurativo.

E se l'arte ha il pregio di essere poliforme e universale, anche questa modesta "contemplazione" si è voluta presentare a mo' di percorso tripartito e a tre voci. Più precisamente:

Tre spunti di riflessione

- La meraviglia di un angelo che si china davanti a una creatura;

- La potenza di un Amore divino che riscatta l'uomo facendosi Uomo, ma col consenso di una donna;

- La mediazione di Maria, nuova Eva, che condivide con l'umanità la vittoria sul peccato, riconciliandola a Dio attraverso la sua incessante preghiera.

Ciascuno dei quali comprendente

- Una esposizione di contenuto iconografico, teologico e biblico;

- Una lettura attinta volta per volta dagli scritti di Tommaso, Antonino e Caterina;

- Un brano musicale alla cetra, ispirato al repertorio di Beethoven, Mozart, Schumann e Morricone.

Apprezzabile e raccolta la partecipazione degli ascoltatori che a poco a poco hanno riempito la sala del museo; a loro va il nostro ringraziamento, nella speranza di aver potuto suscitare un connubio di variopinta meditazione, da poter gustare con gli occhi del cuore.



Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.