In due parole...

Come Domenico vogliamo manifestare e proclamare con la nostra vita e la nostra parola, la misericordia di Dio, la liberazione e la riconciliazione di tutti gli uomini in Gesù Cristo.

Prossimi eventi

ti auguro Ti auguro una giornata semplice, fatta di piccole... Leggi tutto..
Ama la verità Ama la verità, mostrati qual sei,
e senza...
Leggi tutto..
Ti auguro di vivere Ti auguro di vivere senza lasciarti comprare dal... Leggi tutto..
Amicizia L'amicizia che ha la sua fonte in Dio non si estingue... Leggi tutto..
Papa Francesco Il futuro lo fai tu, con le tue mani, con il tuo cuore,... Leggi tutto..

Login

Home » Predicazione » Giobbe il parlare bene di Dio
A+ R A-

Per quale via si va dove abita la luce?

Giobbe, 38, 19

Chagall 60Bible Job Despair


Il poema di Giobbe in una lettura comunitaria e al femminile: è la voce di suor Catherine E. Rendu che ci accompagna attraverso i sentieri impervi di questa "bibbia nella Bibbia", una presenza appassionata per una figura che ha affascinato e ispirato uomini comuni, filosofi e artisti di tutti i tempi. Pagine da pregare e da contemplare. Ogni incontro si apre con la recita corale di un salmo o di un brano della Sapienza di Salomone. Ogni sera la tappa di un viaggio attraverso domande che generano altre domande, trasportandoci dal cielo alla terra e dalla terra al cielo, attraverso il mistero del male e la grandezza ineffabile della creazione. Dentro ognuno di noi, dentro ogni dolore, questi interrogativi continueranno a battere, come in un crescendo di musica, spingendoci verso le soglie del mistero, che non si può comprendere, ma che è possibile sentire, con le ali della fede e la fiducia nel "Dio-con-noi".

Maria Grazia Maiorino


Eccomi Signore,

tu mi hai chiamata in disparte, qui, nel silenzio di questa piccola montagna di Ganghereto. Qui c’è una lieve brezza del vento del primo tramonto che smuove le foglie degli alberi; c’è la penombra fresca della sera che dà pace; c’è il buio della notte che sta zitto ma parla al cuore, c’è la luce timida del primo albore che ti invita ad ascoltare; c’è la luce piena del giorno che ti dà vigore. Ci sono le voci discrete di coloro che hanno scelto di essere tue spose e cantano, pregano, accolgono, amano tutti i tuoi figli. Tutto questo è un invito a lasciarsi andare come bambini.

Signore, io ci sono; ora tu parlami, io ti ascolto.

Signore Dio, tu hai permesso che l’incontro con te ci fosse ed è stato bello scoprirti come Sapienza dentro la quale posso entrare. Io che mi scopro piccola: tu che mi dici con pazienza di quale grandezza sono parte.

Franca



Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.