In due parole...

Come Domenico vogliamo manifestare e proclamare con la nostra vita e la nostra parola, la misericordia di Dio, la liberazione e la riconciliazione di tutti gli uomini in Gesù Cristo.

Prossimi eventi

ti auguro Ti auguro una giornata semplice, fatta di piccole... Leggi tutto..
Ama la verità Ama la verità, mostrati qual sei,
e senza...
Leggi tutto..
Ti auguro di vivere Ti auguro di vivere senza lasciarti comprare dal... Leggi tutto..
Amicizia L'amicizia che ha la sua fonte in Dio non si estingue... Leggi tutto..
Papa Francesco Il futuro lo fai tu, con le tue mani, con il tuo cuore,... Leggi tutto..

Login

Home » Predicazione » Associati alla Provincia Italo svizzera della Congregazione Romana di san Domenico
A+ R A-
09 Lug

Associati alla Provincia Italo svizzera della Congregazione Romana di san Domenico

Giovedì 30 Giugno 2021 3 nuovi membri sono stati accolti tra gli associati della nostra Provincia. Accompagnati da suor Marie Laetitia, che guida in modo particolare il cammino di questi nostri fratelli e sorelle e dalla comunità di Fondi, Francesca, Antonella e Andrea sono stati accolti da sr Marie-Théo, Provinciale in nome di tutta la Provincia e raggiungono così Barbara, Cosetta e Erjon di Ganghereto.

Una dialogo semplice ma essenziale nel corso dei vespri, l’espressione del loro impegno e l’accoglienza al nome della Provincia…

- Sr Marie-Théo: N… che cosa chiedi?

- …: Desidero essere accolta nella Provincia Italo-svizzera della Congregazione Romana di san Domenico in quanto Laica domenicana associata, per un anno.

- Sr Marie-Théo:

Cari Amici, Francesca, Donatella, Andrea,

Più che amici, e lo siete da tanto tempo ormai… Oggi vi accogliamo come sorelle e fratello perché entrate a far parte di una famiglia. Insieme a Cosetta, Barbara, Erjon, siete accolti come membri associati alla Provincia italo-svizzera della Congregazione Romana di San Domenico… Associati è una parola forte, impegnativa anche: associare, unire… Non sono solo legami di simpatia, di vicinanza, neanche di una semplice collaborazione o aiuto reciproco ma vi unite con questo vincolo particolare a questa nostra Famiglia in San Domenico. Entrate e vi siedete a Tavola con noi, non a parte ma insieme a noi, con la vostra particolarità e specificità, con la ricchezza della diversità che ci offrite. Ci invitate così a aprire la nostra tavola, a creare spazi, a dare aria nuova, a cercare insieme a voi a dare un colore, una melodia particolare a questo legame… Insieme a questa tavola, siamo chiamati a condividere la Parola e ad offrirci e offrire le nostre parole che vogliono essere annuncio di Verità, di Misericordia, di Gioia per tutti. Siamo chiamati a condividere il Pane, e ad essere insieme pane spezzato per i fratelli e le sorelle che incontriamo in tutte le tavole della nostra vita… Ci portate insieme a voi nei vostri ambienti di vita, di lavoro, luoghi che sicuramente non possiamo raggiungere e abitare come lo fate voi, come a nostra volta vi portiamo con noi, “in noi” come fratelli e sorelle nella nostra vita di comunità…. Insieme siamo chiamati a condividere e celebrare la Parola, Verbo incarnato, a essere sempre ricercatori instancabile di Verità… Una Verità che si cerca e si accoglie nella Parola, nel mondo e negli eventi, nei fratelli, nella storia…

Una Verità che ci invia per essere annunciata con il nostro “vivere” in un stile domenicano: misericordioso, gioioso, appassionato, libero…! Uno stile che assume tutta la gamma ampia, larga, bella della diversità dei membri di questo Famiglia

Grazie per la vostra fiducia, la vostra audacia, la ricchezza delle vostre persone… Benvenuti alla Tavola della Fraternità per Lodare, Benedire, Predicare il Cristo Vivente sul esempio di Domenico.

Alcune estratti della testimonianza e impegno di ognuno:

Francesca:

[…] La vita comune, lo studio e la preghiera tendono alla predicazione: attraverso lo Studio della Parola, la sua contemplazione, il supporto della comunità, annunciare a chi ci è accanto la Salvezza del Signore; sull’esempio e con gli strumenti di san Domenico essere cercatori e annunciatori credibili della Verità.

Era forse questo il mio più grande timore: essere testimone credibile, predicando con le parole e con la vita. Ed è qui che più è esplosa la bellezza della Famiglia Domenicana: ognuno mette a frutto e a servizio il suo talento. Predicare con ciò che sono, attingendo dagli strumenti pensati da San Domenico.

Allora vuole essere questo il mio impegno: essere un piccolo ingranaggio, nella grande famiglia domenicana, in grado di rendere testimonianza alla Verità. Con le mie attitudini (o carismi) “essere utile all’anima del prossimo” (Costituzioni primitive OP).” […]

Donatella:

[Le suore]…Mi hanno insegnato che gli ingredienti segreti per riuscire in questa missione sono

preghiera, vita comune, studio e predicazione, ingredienti che San Domenico ha iniziato a mescolare molto tempo fa e che a noi, oggi, rimane la grande responsabilità e gioia di continuare a mescolare, perseguendo il suo sogno di una Chiesa in stato di fondazione continua, vale a dire di incessante evangelizzazione, che allarghi la sua tenda a misura di tutto il mondo.

Sono felice, grata e curiosa di continuare a vivere della gioia di continuare questa missione, impegnandomi nell’avventura dell’evangelizzazione, per contribuire a tenere viva la fiamma del carisma domenicano insieme ai miei amici domenicani.[…]

Andrea:

[…][Le suore]Con loro sono cresciuto e ho condiviso momenti di grazia e fraternità. Mi sono sempre sentito a casa. Mi sono sempre sentito amico e l’amicizia è uno delle componenti importanti nel cammino di San Domenico. […] Questo vuole essere il mio particolare impegno per questo anno: una più intensa preghiera di intercessione per essere utile all’anima del prossimo sull’esempio di San Domenico. Sono consapevole infatti che l’unico vero bene per ciascun essere umano è Gesù stesso. San Paolo dice “ritengo che tutto sia una perdita a motivo della sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore”. L’amicizia di Gesù supera tutto. Anche nella mia anima, in alcuni momenti, questa verità è apparsa chiarissima e limpida e vorrei condividerla a cominciare da chi mi è più vicino. […]

Sr Marie-Théo rimette la croce domenicana dicendo: N., con gioia ti accogliamo nella nostra Provincia come Laica/o domenicana/o associata/o. Il Signore porti a compimento ciò che ha cominciato in te.

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.