In due parole...

Come Domenico vogliamo manifestare e proclamare con la nostra vita e la nostra parola, la misericordia di Dio, la liberazione e la riconciliazione di tutti gli uomini in Gesù Cristo.

Login

Home » Media » Abbiamo visto... » Visualizza articoli per tag: fede
A+ R A-
Visualizza articoli per tag: fede

Anno della fede

Venerdì, 12 Ottobre 2012 16:52

Apertura dell'Anno della fede

Benedetto XVI

11 ottobre 2012

 

«Anche abbiamo fatto esperienza della presenza del Signore, della sua bontà della sua presenza: il fuoco di Cristo non è divoratore né distruttivo, è un fuoco silenzioso una piccola fiamma di bontà: il Signore non ci dimentica, il suo modo è umile, il Signore è presente, dà calore ai cuori, crea carismi di bontà e carità che illuminano il mondo e sono per noi garanzia della bontà di Dio. Sì, Cristo vive con noi e possiamo essere felici anche oggi.

Proprio a partire dall’esperienza di questo deserto, da questo vuoto, che possiamo nuovamente scoprire la gioia di credere, la sua importanza vitale per noi uomini e donne. Nel deserto si riscopre il valore di ciò che è essenziale per vivere; così nel mondo contemporaneo sono innumerevoli i segni, spesso espressi in forma implicita o negativa, della sete di Dio, del senso ultimo della vita. E nel deserto, c’è bisogno soprattutto di persone di fede che, con la loro stessa vita, indicano la via verso la Terra promessa e così tengono desta la speranza. La «fede vissuta» apre il cuore alla grazia di Dio che libera dal pessimismo. Oggi più che mai evangelizzare vuol dire testimoniare una vita nuova, trasformata da Dio, e così indicare la strada».


Logo-Anno-della-fede2 copia


Il logo che segnerà tutti gli avvenimenti di quest'Anno. Esso rappresenta una barca, immagine della Chiesa, in navigazione sui flutti. L'albero maestro è una croce che issa le vele le quali, con segni dinamici, realizzano il trigramma di Cristo (IHS). Sullo sfondo delle vele è rappresentato il sole che associato al trigramma, rimanda all'Eucaristia.

 

Un sito: www.annusfidei.va

 

Un inno: Credo, Domine, adauge nobis fidem è il ritornello che permane come invocazione al Signore perché abbia ad aumentare in tutti noi la fede, sempre così debole e bisognosa della sua grazia.


Un Sussidio pastorale, Vivere l'Anno della Fede, preparato per accompagnare, in primo luogo, la comunità parrocchiale, e quanti vorranno inserirsi nell'intelligenza dei contenuti del Credo.


Uno degli obiettivi dell'Anno della fede, infatti, è fare del credo la preghiera quotidiana imparata a memoria, come era consuetudine nei primi secoli del cristianesimo. Secondo le parole di S. Agostino: "Ricevete la formula della fede che è detta Simbolo. E quando l'avete ricevuta imprimetela nel cuore e ripetetevela ogni giorno interiormente. Prima di dormire, prima di uscire, munitevi del vostro Simbolo. Nessuno scrive il Simbolo al solo scopo che sia letto, ma perché sia meditato".

Arte e fede

Martedì, 14 Maggio 2013 14:46
Ravasi: “Dobbiamo ricostruire il dialogo interrotto tra arte e fede”.
Il padiglione della Santa Sede avrà come tema la Genesi

da Alessandro Speciale, Città del Vaticano

2- La Creazione 

La Santa Sede parteciperà quest'anno per la prima volta alla Biennale delle Arti Visive di Venezia, tornando così alla tradizione del mecenatismo artistico contraddistinse i papi del Rinascimento e dei secoli successivi. L'obiettivo, ha spiegato il 'ministro della cultura' del Vaticano, il cardinale Gianfranco Ravasi, è quello di ricostruire il “dialogo interrotto” dopo il “divorzio, non sempre consensuale, che si è consumato tra arte e fede soprattutto nel secolo scorso”.

Il padiglione vaticano – costato 750mila euro, di cui 300mila stanziati dalla Biennale e il resto offerto dagli sponsor, tra cui Eni e Intesa Sanpaolo – sarà suddiviso in tre sezioni, accomunate dal filo conduttore del racconto biblico della Genesi. La prima parte, dedicata ala Creazione, è stata affidata al gruppo milanese Studio Azzurro; la seconda, De-Creazione, al fotografo ceco Josef Koudelka, che nel 1968 fotografò l'invasione di Praga da parte dei carri armati sovietici; infine, la sezione su Nuova Umanità o Ri-Creazione, è opera del pittore americano Lawrence Carrell, legato al movimento dell'“Arte Povera”, che usa per la sua arte anche materiali di recupero. In apertura del padiglione, un omaggio alla tradizione artistica vaticana, con un Trittico di Tano Festa ispirato al Michelangelo della Cappella Sistina.

La fede personale degli artisti non è stata presa in considerazione al momento della committenza vaticana, è stato spiegato durante la presentazione dell'iniziativa oggi in Vaticano. Con la partecipazione alla Biennale di Venezia, ha spiegato Ravasi, “vogliamo tentare un dialogo autentico, tra la componente religiosa e dall’altra parte, con un’arte che ha una nuova grammatica espressiva”. “Per questo motivo – ha aggiunto – riteniamo che sia particolarmente significativa questa esperienza, che si riconnette all’antichissima, grande tradizione dell’arte e della fede, sorelle tra loro nel cammino della cultura”.

Dopo il 'divorzio' tra arte contemporanea e Chiesa, gli artisti hanno spesso adottato la strada della provocazione, talvolta blasfema secondo Ravasi, per rapportarsi alla fede. Proprio alla Biennale veneziana, nel 2001, venne esposta “La Nona Ora” di Maurizio Cattelan, che raffigurava papa Giovanni Paolo II colpito da un meteorite.

Per Ravasi, quello di Venezia è solo un primo passo: per il futuro, tutto dipende da cosa ne penserà papa Francesco, ma il cardinale ha anticipato come “probabile” una presenza vaticana all'Expo universale di Milano. “Non attendetevi un albero grandioso, ma un germoglio – ha aggiunto a proposito del padiglione lagunare –: questo vuol essere soltanto un punto di partenza. Vogliamo creare un'atmosfera di incontro tra arte e fede che, in prospettiva possa approdare a buon uso liturgico, al momento non previsto invece per le opere che presentiamo nel padiglione vaticano. Diciamo che si tratta di un rodaggio, di un inizio di percorso”.

Unico rammarico? Per Ravasi, il fatto che “non ci sono donne, salvo Micol Forti (direttrice della Collezione d'Arte Contemporanea dei Musei Vaticani, ndr) che è stata una degli artefici del padiglione”.

Il Padiglione vaticano all'Arsenale di Venezia verrà inaugurato il 31 maggio alle 16.30 e sarà aperto fino al 24 novembre.

 

 

Cortile dei gentili - Arte e Fede

Domenica, 07 Ottobre 2012 19:27
Ecco l'incontro su Arte e Fede ... Buon ascolto ...