In due parole...

Come Domenico vogliamo manifestare e proclamare con la nostra vita e la nostra parola, la misericordia di Dio, la liberazione e la riconciliazione di tutti gli uomini in Gesù Cristo.

Login

Home » Figure domenicane » ... e di oggi » sr Enrica
A+ R A-
sr Enrica

sr Enrica

Della comunità di Ganghereto,
studio filosofia all'Università di Perugia.

Una Domenica con Pascal

Domenica, 06 Aprile 2014 20:21 Pubblicato in Predicazione


E' stata una domenica pomeriggio diversa, quella vissuta qui a Ganghereto il 30 marzo: una domenica all'insegna della filosofia!

 

Quest'anno infatti la nostra comunità ha proposto un'iniziativa culturale, come momento fraterno di formazione umana, di dialogo e di confronto.

Come molti già sanno, è parte costitutiva del nostro carisma domenicano l'amore per lo studio, come via per metterci in ascolto di ogni uomo e per avvicinarci di più a Dio. Questo "pilastro" della nostra spiritualità non riguarda solo l'approfondimento delle Sacre Scritture, ma di ogni disciplina attraverso cui cogliere semi di Verità: tra di esse la filosofia, in quanto "amore per la sapienza" ha da sempre avuto nella nostra tradizione un posto privilegiato

Il nostro desiderio si è incontrato con la disponibilità del Prof. Maurizio Schoepflin, docente di storia della filosofia presso due Istituti di scienze religiose ed un liceo, il quale ci ha guidato nella riflessione con la sua esperienza, la sua chiarezza e soprattutto con l'entusiasmo che ci ha saputo trasmettere.

Ci ha presentato la figura di Blaise Pascal, che fa parte dei pensatori "intramontabili", perché ha saputo farci dono, in particolar modo nei Pensieri, di una ricchissima e profonda analisi dell'animo umano.

"Né angelo né bestia": così lui definisce l'uomo, mettendo in luce la miseria della sua condizione, soprattutto a causa del peccato originale, ed insieme la sua grandezza, per il suo anelito verso l'Infinito. La presa di coscienza di questa condizione "intermedia" in cui siamo chiamati a vivere ci aiuta a non cadere in due eccessi contrari, che ci porterebbero a sopravvalutarci o, al contrario, a sminuirci oltre misura.

E' stata per noi una gioia grande veder presenti molti amici della comunità, ma anche volti, nuovi; numerosi e stimolanti sono stati gli interventi dei partecipante, grazie ai quali si è instaurato uno scambio spontaneo ed altrettanto arricchente.

Rendiamo grazie a Dio per questa domenica in cui, come ci ha detto il Prof. Schoepflin ringraziandoci, "l'amicizia cristiana e la cultura si sono saldate, offrendo a tutti la possibilità di assaporare la bellezza dello stare insieme nel nome del Signore e nella comune ricerca della Verità".

Sr Enrica

Terza Domenica di Avvento

Sabato, 14 Dicembre 2013 15:42 Pubblicato in Predicazione

QUALE GIOIA?

 

Può sembrarci davvero uno strano accostamento quello della Liturgia di oggi: da una parte l’invito a “gaudere”, così luminoso e frizzante nelle parole profetiche di Isaia: “si rallegrino il deserto e la terra arida! Coraggio, Non temete! Fuggiranno tristezza e pianto!”. Dall’altra, nel vangelo, siamo di fronte ad un momento di oscurità per Giovanni Battista, che dal carcere sembra non riconoscere più il Messia, da lui annunciato precedentemente con così tanta forza e convinzione.

Quasi per dirci che la gioia - quella vera - non è poi così scontata ed immediata, ma conosce anche momenti di prova, dolore e dubbio.

E’ vero: la gioia è anzitutto dono, ma siamo chiamati a prepararci ad accoglierne “lo spessore”, la portata. Come? Forse proprio seguendo l’invito della seconda lettura di oggi: quello di guardare ed imitare l’agricoltore, che aspetta con costanza il prezioso frutto della terra finché abbia ricevuto le prime e le ultime piogge.

Una gioia, quella cristiana, che conosce la fatica e la speranza dell’attesa. La sola in grado di far fiorire i nostri deserti.

Seconda Domenica di Avvento

Sabato, 07 Dicembre 2013 12:42 Pubblicato in Predicazione

 

PREPARARE L'INCONTRO


ACCOGLIERE

in un atteggiamento di recettività, la potenza di Dio che opera in noi e che prepara uno spazio vuoto perché l'Incontro avvenga.


GIOIRE

di quella gioia profonda che ha il proprio fondamento nella fedeltà di Dio, e che ci fa scoprire di essere dei "perdonati - graziati".


INDICARE GESU'

come vero ed unico punto di riferimento. Fecondati dalla sua Presenza, mettersi in cammino, come Giovanni e Maria, perché altri lo possano davvero incontrare nella loro vita.

Prima domenica di Avvento

Domenica, 01 Dicembre 2013 14:23 Pubblicato in Predicazione

ACCORGERSI

 

E’ il segreto dell’Avvento,

il segreto della nostra vita.

Accorgersi che stiamo già camminando

nella luce del Signore,

perché siamo figli della Luce.

Accorgersi della vita di Dio,

che continuamente

si comunica a noi, nella routine

spesso noiosa della nostra quotidianità,

che rischia di intontire il nostro cuore

ed assopire a nostra intelligenza.

Accorgersi per non improvvisare quel giorno,

in cui siamo certi che il Figlio dell’uomo tornerà

e ci prenderà con sé,

dai luoghi a noi più consueti e familiari.

No, la notte non può farci paura,

se, rivestiti di Gesù Cristo,

indosseremo giorno dopo giorno

le armi della Luce.